Skip to main content
5 min.

Immerso in un paesaggio zen puramente giapponese, si erge una vera testimonianza della ricca storia e dell’abilità architettonica del paese: il Castello di Himeji.

Spesso acclamato come il “castello dell’airone bianco” per via del suo esterno bianco immacolato e del design elegante che ricorda un uccello in volo, il castello di Himeji è un faro del passato feudale del Giappone e patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Un po’ di storia

Un tempo il Giappone era una terra di castelli, nonché di eserciti in guerra e di samurai: Sengoku jidai (1467 –1615), l’era delle guerre. Ma è bastato un secolo per cancellare tutto, e di questi edifici affascinanti, molto diversi da quelli europei, restano pochissimi originali: appena dodici. Sono costruiti in gran parte in legno: alcuni sono stati distrutti dagli incendi, altri dai terremoti, altri dalle bombe americane, come le città, come i templi. Pochi sanno però che molti castelli furono smantellati dagli stessi giapponesi durante il periodo di modernizzazione Meiji.

Le radici del castello di Himeji risalgono al XIV secolo, sebbene la sua forma attuale risalga principalmente al 1609, quando fu ampliato dal signore feudale Ikeda Terumasa, che lo ricevette in dono dallo shogun Tokugawa Ieyasu.

Costruito in cima a una collina nella prefettura di Hyogo, la sua posizione strategica gli ha permesso di fungere da roccaforte difensiva vitale durante la tumultuosa era feudale del Giappone. Nel corso dei secoli, il castello fu testimone di numerose battaglie, intrighi politici e cambiamenti sociali, ma resistette, emergendo come simbolo di resilienza e genialità architettonica.

Splendore architettonico

Ciò che distingue il castello di Himeji è il suo straordinario design architettonico, caratterizzato dall’intricata struttura in legno, dalle imponenti mura e dalle caratteristiche difensive. La disposizione ingegnosa del castello, comprendente più strati di mura, porte e stretti corridoi, fu realizzata per contrastare gli invasori e fornire un vantaggio strategico durante gli assedi. Salendo le sue ripide scalinate e attraversando i suoi labirintici percorsi, i visitatori vengono trasportati indietro nel tempo, acquisendo informazioni dettagliate sulle strategie militari e sulla vita quotidiana del Giappone feudale.

Il giardino Kokoen

Kokoen è un giardino in stile giapponese di costruzione relativamente recente, inaugurato nel 1992 sull’ex sito della residenza occidentale del signore feudale (Nishi-Oyashiki). Si compone di nove giardini separati e recintati, progettati in vari stili del periodo Edo.

Il Kokoen Garden è situato a pochi passi a ovest del cancello principale del castello, Otemon Gate. È facilmente raggiungibile dalla stazione di Himeji, in 20 minuti a piedi o in cinque minuti in autobus (100 yen solo andata) lungo la strada Otemae-dori, che conduce direttamente dalla stazione al castello e al giardino.

Il biglietto d’ingresso va acquistato in loco e costa 310 yen. Ti consiglio però di optare per un biglietto d’ingresso combinato per giardino e castello per 1.050 yen.

Il giardino è aperto ai visitatori dalle 09:00 alle 17:00, con ultimo ingresso alle 16:30.

Visitare il Castello di Himeji

Visitare il castello di Himeji è un’esperienza coinvolgente e non veloce. Anche all’ingresso si attraversa un tortuoso labirinto in salita destinato a rallentare i nemici e renderli facili bersagli. Il castello ha sette piani, collegati da ripide scale, ed è sorretto da due enormi pilastri di legno, uno dei quali originale.

In cima si trova un santuario shintoista dedicato ai kami del castello, dal quale si gode una vista meravigliosa.

Per chi ha intenzione di visitare il Castello di Himeji, ecco alcuni consigli pratici per migliorare la propria esperienza:

  • Raggiungere Himeji: il castello si trova sulla linea Shinkansen tra Osaka e Hiroshima. Potete quindi visitarlo facendo tappa lungo il percorso oppure programmare una gita di un giorno da una delle due città. Calcolate una ventina di minuti per andare dalla stazione al castello, poi circa un paio d’ore per la visita.
  • Orari di apertura: il castello di Himeji è generalmente aperto ai visitatori dal primo mattino fino al tardo pomeriggio, dalle 09:00 alle 17:00, con l’ultimo ingresso all’interno alle 16:00. Vengono però, fortunatamente, applicati orari di apertura aggiuntivi nei giorni di punta, durante l’estate e la stagione dei sakura.
  • Tariffe d’ingresso: il biglietto d’ingresso è valido solo per il giorno e non esiste un sistema di prenotazione online. Il biglietto costa 1.000 yen. Sono spesso disponibili sconti per studenti e anziani, mentre i visitatori disabili e i loro accompagnatori possono entrare gratuitamente esibendo il relativo certificato. L’uso della sedia a rotelle è di fatto impossibile.
  • Giorni di chiusura: il Castello di Himeji è chiuso al pubblico il 29 e 30 dicembre.
  • Visite guidate: prendi in considerazione la possibilità di partecipare a una visita guidata per ottenere informazioni più approfondite sulla storia e l’architettura del castello. Le guide, in lingua inglese, offrono commenti informativi e coinvolgenti e vengono organizzate tutti i giorni alle 10:00 e alle 13:00.
  • Calzature: poiché camminerai su pavimenti in legno e scale ripide, si consigliano calzature comode (calzini spessi o scarpe comode da interno). Dovrai riporre le scarpe con cui arrivi dall’esterno in un sacchetto di plastica riciclata fornito all’ingresso dell’edificio. (viaggiando nel sud-est asiatico e in Giappone, porto sempre con me la mia sacca per le scarpe ti consiglio di fare lo stesso.)
  • Foto: cattura la bellezza del castello di Himeji attraverso le fotografie, ma fai attenzione a eventuali restrizioni, soprattutto in alcune aree dell’edificio o durante mostre temporanee.

L’orario e il giorno della tua visita sono flessibili? Ti consiglio di pianificare la tua esperienza a Himeji dopo aver controllato questo calendario aggiornato che prevede flussi ed eventuali momenti di congestione!

Curiosità

Racconti spettrali: la leggenda narra che il castello di Himeji sia infestato dagli spiriti degli abitanti del passato, aggiungendo un fascino inquietante alla sua aura già accattivante. Racconti di incontri spettrali e fenomeni inspiegabili non hanno fatto altro che aumentare la sua magia e le guide sapranno catturare la tua fantasia durante la visita.

A Hollywood: la bellezza senza tempo del castello di Himeji ha catturato l’immaginazione dei registi di tutto il mondo. Ha fatto da sfondo a diversi film iconici, tra cui James Bond in “You Only Live Twice”, consolidando ulteriormente il suo status di icona culturale.

Dal suo significato strategico nella storia feudale del Giappone al suo fascino senza tempo come punto di riferimento culturale, il castello di Himeji è una testimonianza dell’ingegno e dell’artigianato delle generazioni passate.

Che tu sia un appassionato di storia, un appassionato di architettura o semplicemente un viaggiatore curioso, una visita al Castello di Himeji promette un’esperienza indimenticabile ricca di storia, bellezza e intrigo. Quindi, fai un passo indietro nel tempo e immergiti nella maestosità del “castello dell’airone bianco” del Giappone.

Non vedo l’ora di tornarci il prossimo febbraio!

Print Friendly, PDF & Email
Silvia's Trips

Hi there! My name is Silvia and after 15 years between the Paris Opera and the Palau de les Arts in Valencia I now run a boutique hotel in Cinque Terre, deal with tourism management and blogging, sail, horse-ride, play guitar and write about my solo trips around the world. For more info about me and my travel blog check my full bio.