Skip to main content
2 min.

5 esperienze food a Levanto e dintorni

Le migliori esperienze food a Levanto e dintorni? Beh, per raccontare cosa e dove mangiare a Levanto lascio la parola a un esperto di scorpacciate e golosità: il mio amico Giorgio Soffiato, in realtà meglio conosciuto come esperto di marketing digitale e “creatore” di Marketing Arena.

Ecco quindi i consigli di Giorgio.

Levanto e dintorni: 5 esperienze food che non puoi non provare

Levanto e dintorni: 5 esperienze food che non puoi non provare

Era effettivamente un po’ di tempo che non mi trovavo a bloggare di qualcosa di diverso dal marketing digitale. Potrei raccontarvi di quanto Silvia e il suo Oasi Hotel siano assolutamente outstanding, ma preferisco raccontarvi 5 piccoli segreti enogastronomici che ho scoperto frequentando la Liguria: un breve viaggio al grido di #nonsoloLevanto. Levanto però è il punto di partenza ideale per vivere tutte queste esperienze, non vedo davvero motivo alcuno per dormire altrove.

La mesciüa, dal dialetto spezzino “mesc-ciüa” ovvero “mescolanza”, di Piccabun: un locale piccolo aperto da poco, e un piatto povero che ha tutta la dignità che serve per essere riscoperto e gustato. Ceci, farro e fagioli per un pranzo pre-mare nutriente e gustoso, come una volta. Si, c’è un po’ d’olio, ma non ha mai ucciso nessuno.

Un salto a Portofino: parlerò di pesto due volte, la prima per onorare i Mandilli De Sea della trattoria Tripoli di Portofino. Semplicemente fuori scala.

La focaccia di Domé: buona. Per un pranzo frugale o un aperitivo giusto, nulla di meglio di una focaccia pomodoro e pesto. Poi si inforca la bici e si smaltisce un’ottima Menabrea con i 10 minuti che dividono Levanto dai Bagni San Giorgio di Bonassola, the place to be.

Qualcuno ha detto Sestri Ponente? Nessuno farebbe un’ora di strada per muovere fino a Sestri Ponente. A meno che la vostra meta non sia il pastificio artigiano di piazza Tazzoli. Semplicemente il miglior pesto da asporto che un umano possa assaggiare.

La cena. Tumelìn. Se è vero che per prenotare all’ambitissimo ristorante Oasi bisogna avere i santi in paradiso (quindi la recensione è rimandata a data da destinarsi), per me Levanto è Tumelìn. Semplicemente si mangia da Dio, che il vostro obiettivo sia l’antipasto di pesce più completo del mondo o (come nel mio caso) le Trofie al pesto (rigorosamente con patate, come da ricetta tradizionale), qui non si sbaglia. Un pigato DOC cantine Terreferme completa l’opera.

Sono stati giorni intensi, ma forse nella vita farò il food-blogger.

Giorgio Soffiato

 

P.S. Per scoprire la selezione di Silvia: dove mangiare a Levanto

Print Friendly, PDF & Email
Silvia's Trips

Hi there! My name is Silvia and after 15 years between the Paris Opera and the Palau de les Arts in Valencia I now run a boutique hotel in Cinque Terre, deal with tourism management and blogging, sail, horse-ride, play guitar and write about my solo trips around the world. For more info about me and my travel blog check my full bio.

Leave a Reply